Storia del S. Anna

L’Ospedale “S. Anna” viene fondato nel 1445. La prima sede è quella di via Roverella a Ferrara. Da qui il primo trasferimento risale al 1927, quando il nosocomio cittadino si sposta in corso della Giovecca. La struttura di questo nuovo ospedale è progettata secondo un modello “a padiglioni” di cui solo una parte collegati da un corridoio circolare (il famoso “Anello”). La concezione alla base della distribuzione degli spazi è la salvaguardia dell’unitarietà del “reparto” dove trovano collocazione tutte le funzioni afferenti alla stessa Unità Operativa (degenza ordinaria e diurna, ambulatori, sale operatorie studi dei professionisti). Questo ospedale, nato nei primi anni del 900 al di fuori del centro città, col tempo diventa centro storico e manifesta problemi di accessibilità. Si dimostra una struttura rigida, non facilmente modulabile per vincoli edilizi e urbanistici. Gli spazi si rivelano sempre più limitati e inadeguati alle nuove esigenze tecnologiche e la sua concezione strutturale rende difficile migliorare i percorsi, le condizioni di sicurezza, igienico-sanitarie e alberghiere.

Verso Cona. All’inizio degli anni ’90 parte il progetto per la realizzazione di un nuovo Ospedale S. Anna a Cona, una frazione del Comune di Ferrara. L’intenzione è quella di costruire un edifico aggiuntivo che integri le funzioni del vecchio ospedale e che sia dedicato alla lungodegenza, alla riabilitazione e all’oncologia, lasciando l’assistenza per l’acuzie al vecchio S. Anna. Il progetto diventa operativo nel 1996 quando viene aggiudicata la procedura d’appalto e viene aperto il cantiere.

Negli anni successivi vengono approvati standard di edilizia sanitaria che rivoluzionano la costruzione dei nuovi ospedali e che diventano indispensabili per potere “autorizzare” e “accreditare” una struttura ospedaliera. Alla luce di questi cambiamenti, all’inizio del 2000, l’Azienda Ospedaliero - Universitaria, in concerto con la Regione Emilia - Romagna, la Provincia, il Comune e l’Università degli Studi, rivede la programmazione: la nuova struttura di Cona deve diventare il contenitore unico di tutte le funzioni dell’Ospedale e sede dei corsi di studio della Facoltà di Medicina, Farmacia e Prevenzione.

Il progetto viene riconsiderato e adattato alle nuove esigenze, ampliato e modificato per accogliere il trasferimento complessivo del “S. Anna”.

Il trasferimento dell’ospedale da Corso Giovecca nella nuova struttura di Cona, eseguito in emergenza dopo il terremoto del 2012, ha avuto inizio l’8 maggio 2012 e si è concluso, con il trasloco di tutte le degenze, il 14 giugno 2012. Ultimo passaggio per il completamento definitivo della struttura è stato il trasferimento del Settore Riabilitativo (Ospedale S. Giorgio) da via della Fiera (Ferrara) all’ospedale di Cona, concluso con l’inaugurazione della struttura il 2 dicembre 2017.

Azioni sul documento

ultima modifica 2019-09-17T11:03:31+02:00